Citazioni da Trigun

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Citazioni da Trigun

Messaggio  Prince of Sayan il Dom Nov 08 2009, 21:22

Citazioni da Trigun



" Quando raggiungi qualcosa perdi qualcos'altro. Non si può vivere ignorando questa verità. E quel che hai perso non tornerà più indietro.
Tutte le cose importanti, tutte le cose preziose che ci sono care, non torneranno indietro se non ci si impegna per non perderle.
Ma gli uomini sanno che se si rimane immobili e in silenzio, non accadrà nulla. Se non ci si muove nulla cambierà.
Eppure le decisioni sono chiuse nello strumento che si maneggia nel momento in cui si perdono. La vendetta è già nell'arma. "






"L'esodo del genere umano verso altri pianeti... è come diffondere un virus nello spazio" (Knives a Vash)






"Ci sono cose che non si possono esprimere a parole. Sono i pensieri nascosti nel cuore della gente e c'è solo un modo per comprenderli: guardare negli occhi chi ti sta di fronte. Quella ragazza mi aveva mentito. Quell'uomo mi aveva mentito, ma nell'istante in cui ho guardato dritto nei loro occhi, ho capito che presto la verità sarebbe venuta a galla. Solo se si guarda negli occhi si puo' comprendere. Esiste una sola verità."







"Chi commette un errore si condanna da solo,chiudendo il suo cuore nel rimpianto. Non si potrà mai rimediare davvero ad un errore, non si puo' tornare indietro. Per questo si beve fino ad ubriacarsi, affogando nell'alcool quei ricordi che non si cancelleranno mai e poi mandandoli giù sorso dopo sorso. Con grande meticolosità Frank Marlon beveva e poi tornava a riempirsi il bicchiere vuoto. E io? Stavo forse sbagliando? Avevo commesso anch'io un errore?"







"C'è un passato impossibile da cancellare, un passato impossibile da dimenticare. I ricordi del nostro cuore sono tutti ugualmente preziosi. Il ricordo degli amati genitori, il ricordo dell'adorata figlia. Con le dita ferme sul grilletto, quei due uomini non riuscivano a trovare una risposta. Nell'istante in cui l'uno ha sparato verso l'altro, la propria pallottola carica di ricordi, ciascuno ha solamente versato il silenzio e le sue lacrime. Perchè i ricordi legano le persone."








"Più sono gli anni che le separono dai propri ricordi, più le persone si nutrono di essi per rivivere il passato, e più sono antichi i ricordi più il passato risulterà idealizzato agli occhi di chi lo rimpiange. Alcuni ricordi poi, se alimentati troppo a lungo, finiscono per alimentare le fiamme dell'odio e, a questo punto, anche se ci si sforza di guardare avanti, non si riuscirà più ad avanzare. Finchè la pesante catena chiamata "vendetta" stringerà i cuori, le lacrime non potranno far altro che scorrere."






"La bramosia senza limiti è la causa continua di tragedie. Il piacere che si prova nel sottomettere e sfruttare i più deboli è tale da far provare i brividi. Quell'uomo si era abbandonato a questa estasi di potere. Era l'uomo che brilla, il capo dei predoni Bad Rad. Quando l'immensa energia racchiusa nel suo corpo avrebbe emesso la brillante luminosità per cui andava famoso, nel Sand Steam sarebbero rimasti tutti a bocca aperta. L'nizio di una lugubre festa all'interno di quell'oscurità luccicante."







"Un uomo incontrato nel deserto. Il suo nome era Nicholas D. Wolfood. Mi confessò di essere in grave difficoltà, lo fece ridendo come farebbe uno che la sapeva lunga. Di fronte al sorriso disarmante di quell'uomo io non seppi dire nulla. Fu un incontro voluto dal destino oppure una breve ed estemporanea parentesi, un gioco orchestrato da Dio per distrarsi un po'. Il suo nome era Nicholas D. Wolfood un pastore incontrato nel deserto."






"Ogni persona ha almeno una ferita che non può ignorare, un terreno sacro che gli altri non devono calpestare. E' per avere un pò di tregua da simili pensieri che la mente ogni tanto deve concedersi una pausa. Fu in uno di quei momenti che l'uomo dal cappotto bianco mi susurrò gelido "Alla fine ti ho trovato, ora voglio la tua vita". Legato Bluesummers, l'uomo che divenne il dio della morte in un solo gelido sussurrò."






"Agente operativo Stryfe. Rapporto alla sede centrale. 20 luglio. Siamo al secondo giorno della vicenda riguardante l'uomo indicato come Monev the Gale, di cui a rapporto precedente. La situazione è ancora critica, la tensione nella città non si è ancora sciolta. Vivendo a stretto contatto con l'obiettivo ho appurato al di là di ogni ragionevole dubbio, il motivo per cui viene chiamato tifone umanoide. Una domanda rimane tuttavia in sospeso: perchè attorno a lui accadono sempre tanti disastri? Seguirà aggiornamento. Meryl Stryfle. Over."







"Gli uomini non fanno che giudicare gli altri uomini. La vena di tutti quelli che incrociamo viene influenzata dal nostro egoismo. Tutto ciò che si è fatto, tutti i volti famigliari, il proprio passato, le proprie sceltre vengono giudicate e cancellate in un istante. Farlo nel nome dei propri sentimenti è giusto? E' quanto chiesi a quella bellissima donna davanti ai corpi senza vita della banda dei Rod. "E' stata fatta pulizia di ciò che non serviva" questo si era detta Dominique the Cyclops. Solo un po' di doverosa pulizia."








"Il racconto della memoria sfuma i suoi contorni nei pressi della sottile linea che divide la vita dalla morte. Suggerendo forse che la salvezza è nel distacco, nell'oblio, un'arma di grigio metallo va in frantumi, un braccio destro si trasforma. Nel momento in cui i frammenti del passato si sono scontrati tra loro, la luce ha avvolto Augusta. Come quando divenni il tifone umanoide, Vash the Stampede, il ricercato da 60.000.000.000 di dollari. Questo è l'inizio del passato. Questa è la fine del viaggio."







"Rem una volta mi aveva raccontato dell'uomo che aveva amato sulla terra e di quanto aveva sofferto quando era morto. Aveva detto di essere salita sulla nave proprio per dimenticare quel dolore. Allora però io non sapevo cosa si provasse a perdere una persona che ami. Adesso se provo a pensare a quando Rem se n'è andata, dagli occhi mi esce dell'acqua calda che non vuole più fermarsi. Rem, io ti starò sempre accanto, non ti lascerò mai sola Rem. "








"Guarda la quinta luna tinta di rosso sangue che splende nel cielo e ci osserva come un occhio ammonitore. Guarda e ricorda il nome di quell'uomo, la leggenda di quell'uomo. Non serve sforzarsi, basta solo che la guardi. Anche se non volessi ricordarla, quella leggenda è comunque impressa in maniera indelebile nella quinta luna. La sua superficie racconta incessamente la storia di Vash the Stampede. E mentre il tempo passa, ciò che si deve tramandare è soltanto l'essenza di quel miracolo che si perpetra nel futuro."








"Una volontà forte dona coraggio alla spirito. Ma una volontà troppo forte riduce allo stremo ciò che lo spirito riesce a vedere. Il dolore di un uomo che abbia perso la propria famiglia, può mutarsi in odio, che a sua volta genera il desiderio di vendetta, e allora l'uomo porta il dito al grilletto. Perchè l'ingiustizia può cmabiare le persone. L'ingiustizia crea sempre altra ingiustizia in una catena senza fine di odio e morte. Eppure io voglio avere fiducia nel cuore di un uomo che abbia subito ingiustizie."








"Nella nostra vita a volte le tragedie si susseguono una dopo l'altra, senza darci tregua, sofferenza su sofferenza. La nostra mente può sembrare forte, ma di fronte a certi dolori si rivela tanto fragile. Vivere, continuare a vivere, sopravvivere. Chi lo avrebbe mai detto che potesse diventare così difficile, così soffocante. In quel momento io dovevo decidere, fare una scelta. Nell'istante dell'incontro tra la vita e la morte, sarei riuscito a vivere come un uomo?"








"Ho fatto uno strano sogno, sai Rem. Nel luogo in cui mi trovavo tutto era tremendamente arido, anche il cuore della gente che vi abitava. Io me ne stavo in disparte e osservavo da lontano le persone attorno a me, chiedendomi cosa le spingesse a tirare avanti, dove trovassero la forza per continuare a vivere. Rem, perdonami Ren, io ho sbagliato, ho commesso un errore. Che devo fare! Ti prego Rem, dimmi cosa devo fare! "








"Spesso chi commette un'errore,si giustifica dicendo che non aveva altra scelta.
Spesso chi commette un'errore si ripete che ormai e' cosa fatta e non si puo' piu' tornare in dietro e mentre pronuncia queste parole a sua insaputa un'ombra buia si insinua nel profondo della sua psiche e genera il rimorso e quando lentamente il rimorso affiora in superficie e' troppo tardi per fermare la catastrofe...eppure chi sbaglia non sa che basterebbe voltarsi per vedere la luce,una luce talmente calda e vicina da avvolgerlo...e poi soltanto il deserto e il cielo"









"L'istinto di sopravvivenza; è questo che ci salva la vita. Ogni persona mostra delle debolezze e proprio grazie ad esse la sua personalità trova completamento. Tuttavia le debolezze sono anche ciò che ci spinge a trascurare chi ci stà accanto e non solo. Ma dove finiscono le cose dimenticate? Io ho sorriso ai bambini che vivevano in quella casa sperduta; vivete il presente...ho detto loro, vivete il domani, vivete ogni singolo giorno e il successivo, anche se questo dovesse significare sofferenza eterna"






"Ammettere i propri errori, non mentire, amare il nostro prossimo, non uccidere.
Sono tutte cose molto facili a parole, tuttavia il tempo e le situazioni speso non ci permettono di tener fede ai nostri propositi. Su questo pianeta non c'è vegetazione, noi la desideriamo, la desideriamo così tanto...eppure...; e vorremmo anche un luogo senza sparatorie, senza soprusi, in cui regni la pace; in cui le persone possano vivere come tali. Già! Ma come si chiama un luogo così?! Qualcuno ricorda ancora il suo nome?"








"Io e Knives siamo nati 130 anni fa, in un istante qualunque di un giorno qualunque. A quel tempo c'era Rem ad occuparsi di noi e le nostre giornate erano serene
Crescendo però le nostre idee si rivelarono diverse e divisero le nostre strade. Ma io oggi non mi pento di nulla e lo confermo ancora una volta; non mi pento di provare sempre a salvare tutti, di non tradire i miei principi, di cercare la felicità e di continuare a sognare. Perchè il biglietto per il futuro è ancora bianco e sempre così, per me e per tutti voi."







"A volte proviamo il desiderio di fare qualcosa per qualcuno, l'unico scopo di un sorriso e di far sbocciare altri sorrisi; una buona azione non pretende nulla in cambio e tutto concorre alla crescita interiore di ognuno di noi.
Anche il pensiero di non dover mai voltarsi indietro è cosa preziosa, ma quando esso si trasforma in dogma da rispettare a tutti i costi, per quanto ci ostiniamo a fare l'impossibile, dalle nostre azioni nascerà solamente il fiore della menzogna. Un fiore con le spine che ferisce il cuore della gente."








"Un uomo che vive la sua vita come gli è stata donata inevitabilmente sarà costretto a prendere delle decisioni. Quando si imbatterà in un bivio non potrà impedire che il dubbio si insinui in lui, così va la vita!
Ogni scelta comporta rinuncie e può essere causa di infelicità.
Ma abbiamo davvero soltanto due opzioni tra cui scegliere? No. La verità è che le possibilità sono infinite e la scelta non è mai una sola! Il futuro ha mille strade da percorre."







"Quando si guarda in avanti qualcosa rimane sempre alle spalle. Credere fermamente alle proprie convinzioni continuando a correre verso il futuro è di certo una virtù. Tuttavia non è giusto nel farlo disprezzare i sentimenti e i ricordi degli altri.
Vivere sconsideratamente senza accorgersi di ciò che provano tuo padre e tua madre ad esempio è solo egoismo. A volte durante la propria corsa, bisogna anche fermarsi un momento e scoprire così di non essere soli."







"Nella vita di ciascuno di noi ci sono momenti duri, sconfortanti; e c'è sempre un luogo da cui hanno origine i ricordi e le nostalgie che ogni viaggiatore porta con sè, la terra in cui sei nato. Io non saprei dire quale passato il viaggiatore si sia lasciato alle spalle e non saprei dire quale malinconia rechi nel suo cuore. Ma so che il pensiero di quel luogo gli infonde coraggio, lo protegge, gli dà la forza per andare avanti nel suo viaggio. Un passo dopo l'altro, sempre più avanti "








"Ci sono cose che non puoi abbandonare, ci sono cose che vuoi proteggere ad ogni costo. E ci sono momenti in cui ti devi rialzare, nonostante il dolore ti sembri insostenibile. L'uomo vestito di rosso si dovrà di nuovo sporcare le mani di sangue per non accrescere oltre la sofferenza, per non aumentare l'odio. Ma lo farà portando nel cuore quella determinazione e quella forza che gli erano state insegnate tanto tempo prima, davanti al fiore di un geranio rosso."
avatar
Prince of Sayan
Admin

Messaggi : 36
Data d'iscrizione : 08.11.09
Età : 29
Località : Caput Mundi

Vedere il profilo dell'utente http://attimofuggente.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum