Rustico Filippi

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Rustico Filippi

Messaggio  Alpaca il Lun Nov 09 2009, 17:51

Rustico Filippi




Rustico Filippi (noto anche come Rustico di Filippo; Firenze, fra il 1230 e il 1240 – Firenze, fra il 1291 e il 1300) è stato un poeta italiano.
Le note biografiche su di lui sono assai scarse. Di origini ghibelline, nato probabilmente da una famiglia di commercianti, appartenne al popolo di Santa Maria Novella e raggiunse una notevole fama tra i suoi contemporanei come dimostrano gli attestati di stima prodotti da Brunetto Latini (che gli dedicò il Favolello). Ebbe anche la nomea di misogino "Rusticus barbutus", guadagnata grazie ad una citazione nei "Documenti d'Amore" di Francesco da Barberino.

Il poeta è noto come iniziatore della poesia comico burlesca che avrà largo sviluppo nel XIV Secolo:ha lasciato ventinove sonetti aulici, di argomento amoroso, secondo la tradizione della scuola siciliana ed altrettanti comico-realistici, scritti in linguaggio con forte connotazione dialettale e gusto caricaturale, contro personaggi reali od immaginari.
Della sua produzione, perfettamente "bipartita", sono di maggiore interesse e importanza i sonetti comico-realistici. Spesso di difficilissima interpretazione, a causa di un lessico inventivo e ricco di allusioni oscene o criptiche, restano almeno i memorabili attacchi di Ovunque vai conteco porti il cesso o Oi dolce mio marito Aldobrandino, tra i più noti e studiati dalla critica e anche tra i più antologizzabili.

La "sfortuna" critica di Rustico Filippi è dovuta in primis alla difficoltà di accesso alle sue poesie, immerse come sono in un ambiente municipale lontano da noi più di sette secoli, ma non solo a questo. Pesa anche contro di lui, come del resto contro gli altri poeti comico-realisti, la storica diffidenza degli studiosi, che hanno giudicato "popolare" e artisticamente irrilevante il loro contributo alla letteratura. In realtà gli studi degli ultimi cinquanta anni hanno dimostrato come la poesia comico-realistica sia tutt'altro che popolare: perfettamente regolata dal punto di vista metrico e articolata retoricamente, i suoi debiti (e il suo retroterra culturale) sono rintracciabili nella poesia mediolatina goliardica, nelle artes e nella poesia trovatorica.


Fonte wikipedia
avatar
Alpaca

Messaggi : 38
Data d'iscrizione : 08.11.09
Età : 23

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum