Dolce stil novo

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Dolce stil novo

Messaggio  Alpaca il Lun Nov 09 2009, 18:05

Dolce stil novo




La terza e più importante scuola poetica del Duecento fu il “dolce stil novo”, nata a Bologna fra la fine del Duecento e l’inizio del Trecento. L’iniziatore fu Guido Guinizzelli, seguito da un gruppo fiorentino, come Guido Cavalcanti, Dante Alighieri, Lapo Gianni, Gianni Alfani, Dino Frescobaldi, Cino da Pistoia, ma il rappresentante più insigne fu Dante Alighieri.
Il nome della “scuola” deriva da un passo del Purgatorio di Dante Alighieri. Nel XXIV canto del Purgatorio Dante incontra Bonagiunta Orbicciani, il quale gli chiede la differenza fra i siculo-toscani e gli stilnovisti. Dante risponde che loro scrivono seguendo la diretta ispirazione d’Amore, e dopo di che Bonagiunta dice di aver capito la differenza fra i toscani e “questo vostro dolce stil novo”: di qui il nome alla “scuola”.
Con questa risposta Dante non vuol dire che loro sono più sentimentali dei siculo-toscani, ma che sono capaci di descrivere i cambiamenti psicologici che l’Amore produce nella persona che ama e che esprimono tali sentimenti in forma dolce, atta cioè alla dolcezza del sentimento amoroso.

Dalle scuole precedenti gli stilnovisti prendono alcune tematiche già note:
1) l’esaltazione di Amore come suprema forma di aristocrazia spirituale;
2) l’affermazione che la vera nobiltà non deriva dal diritto di nascita, ma che essa risiede nell’animo;
3) la rappresentazione della donna come figura angelica.

Originale è invece il loro definirsi come un pubblico nuovo di produttori ed utenti della poesia, come libero gruppo di “cori gentili”, capaci di vivere e intendere la nobilitante esperienza d’amore. Essi fondano la loro superiorità sulla cultura, che è conquista individuale, e formano un gruppo di intellettuali che non coincide più con una corte, ma vive nella civiltà cittadina. Di conseguenza la loro dottrina d’amore non è espressa secondo i canoni del galateo cortese, ma s’ispira alla filosofia insegnata nelle Università, specialmente in quella di Bologna.
Gli stilnovisti intendono definire l’origine e la natura d’amore e riconducono alla vita della coscienza tutte le esperienze amorose, come la gioia, il tormento, la contemplazione, la passione.

In questa ricerca, che coinvolge tutta la coscienza, si avverte l’influsso della filosofia del tempo, specialmente quella di S. Bonaventura, che fu definita la “metafisica della luce”. Secondo questa dottrina la luce, manifestazione dell’Essere Supremo, viene riflessa dalle Intelligenze angeliche motrici dei cieli e dalle creature umane più elevate, che diventano un incentivo per una conoscenza più piena di Dio.
Allo stesso modo la bellezza della donna è simbolo della bellezza di Dio, cui l’anima aspira, e amore è questa ispirazione. Però la donna è pur sempre ispiratrice di passioni, per cui la gioia della contemplazione è sempre insidiata dalla sorda resistenza della passione, donde il rapporto fra amore terreno e amore celeste e la giustificazione del primo sul piano morale e conoscitivo. Questa è la tematica dello stilnovismo, anche se i vari autori esprimono questa ascesa in modo diverso.

Si capisce quindi come ognuno dei poeti segua una propria strada per arrivare a Dio tramite la contemplazione della bellezza della donna, e ciò fa di questi poeti non una “scuola”, dove le rappresentazioni sono corali, ma ognuno rivela una propria identità. La dimensione unitaria della “scuola” si rivela invece nello stile, che si manifesta nel gusto comune di drammatizzare la propria vicenda interiore, di rappresentare la realtà esterna in modo attutito, di rappresentare la donna come un balenare di luce, di ascoltare la propria coscienza, ecc.
A differenza di quanto avveniva nei canzonieri siciliani, si trovano nei testi stilnovisti nomi di donne amate, come ad attestare un impegno autobiografico; così abbiamo la Beatrice di Dante, la Selvaggia di Cino, la Giovanna di Cavalcanti. Ognuno dei poeti cerca di rappresentare la propria vicenda amorosa come un qualcosa di esemplare, ma le varie vicende non sono raccontate seguendo una trama narrativa e le donne cantate non acquistano consistenza figurativa o drammatica, perché donne e vicende non sono che metafore della scoperta della propria anima.

Gli argomenti sono espressi in maniera filosofica e scientifica e ciò fa del dolce stil novo un’esperienza fortemente selettiva nei confronti del pubblico, per cui anche se questo movimento attesta che alla fine del Duecento si era affermata in Italia un’alta cultura laica, non rappresenta la realtà dell’epoca. Tuttavia notevole è il suo significato storico. La rifondazione del mito dell’amore, ricondotto alle vicenda globale della coscienza, delinea la scoperta di una dignità autonoma dei sentimenti umani. Questi motivi, depurati da certe astrattezze, e l’esempio di un elevato magistero stilistico, passeranno nella lirica del Petrarca e di lì in quella posteriore.


Fonte giroscopio.com
avatar
Alpaca

Messaggi : 38
Data d'iscrizione : 08.11.09
Età : 23

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum